Situata alla confluenza di tre fiumi sacri, di cui uno invisibile! – il Gange, lo Yamuna e il Saraswati – Allahabad è famosa, soprattutto, perché è qui che si svolge il più importante festival religioso di tutta l’India, e quello che attira più visitatori in tutto il mondo; stabilendo, nell’ultima edizione del 2013, un record di 30 milioni di partecipanti durante il giorno principale! Questo festival oceanico è la Kumbh Mela, che si tiene ogni tre anni, a rotazione, in quattro città indiane diverse, ma la cui edizione principale è quella che si svolge proprio ad Allahabad. Durante la Kumbh Mela, tutta l’area limitrofa alla confluenza dei tre fiumi, dove ci sono i ghat (le gradinate) che portano i pellegrini a bagnarsi nelle acque sacre di Gange, Saraswati e Yamuna, diventa una vera e propria città di campi tendati, dove alloggiano i pellegrini e i sadhu (gli asceti indiani) che credono fortemente nei benefici spirituali che si ottengono partecipando alla Kumbh Mela, tra cui la possibilità di liberarsi del proprio karma (risultato delle azioni) accumulato in questa vita e in quelle precedenti.

Kumbh Mela ad Allahabad

Per il resto del tempo, Allahabad è una città caotica e disordinata, con diversi edifici storici e uno spettacolare forte del periodo Mughal, dove l’unico posto in cui trovare un po’ di pace è, appunto, la zona del lungo fiume, dove gli asceti meditano seduti sulla riva sabbiosa, in mezzo alle partite di cricket dei bambini, e i pellegrini fanno il bagno nella confluenza sacra.