PARTENZE

L’itinerario proposto da Samsara Roads si sviluppa lungo la storica Grand Trunk Road; un’antica strada che da più di duemila anni attraversa il subcontinente indiano, collegandolo con l’Asia centrale, e che gli storici affermano esistere da ancora prima che il Buddha nascesse. Nelle parole di Rudyard Kipling: «La Grande Strada che è la spina dorsale di tutta l’India. Tutte le caste, e ogni tipo di persona la percorrono. Brahmini e chumars, banchieri e ambulanti, barbieri e bunnias, pellegrini e vasai, tutti che vanno e che vengono. Per me è come un fiume, dal quale mi sono ormai ritirato, come un tronco depositato dalla piena»

Nel suo viaggio attraverso l’India, la Grand Trunk Road – che collega l’odierno Bangladesh con il Khyber Pass in Afghanistan – percorre le pianure del Gange e dello Yamuna, sfiorando le pendici dell’Himalaya nel Punjab, e attraversa alcune delle più importanti metropoli indiane, come Calcutta, Lucknow e Delhi, nonché storiche mete di pellegrinaggio e città sacre, come Mathura, Allahabad e Varanasi.

Viaggiare lungo la Grand Trunk Road, oggi, significa percorrere un itinerario che ha il sapore di un viaggio indietro nel tempo, dove la storia dell’India e del mondo è presente in ogni chilometro del suo tragitto, tra le rovine dei caravanserragli e le tombe degli imperatori Moghul, nei pellegrinaggi del Buddha e Guru Nanak, il Taj Mahal e i santuari dei Sufi, tra le migliaia di templi indù che compongono la geografia sacra dell’India come un intricato mandala di divinità, città leggendarie e fiumi invisibili.

Ma un viaggio lungo la Grand Trunk Road è anche un viaggio nell’attualità di un continente che cresce troppo in fretta, a dismisura, dove il futuro del mondo urbanizzato si profetizza in quegli accampamenti di fortuna, tuguri di lamiera e plastica, dove vivono centinaia di milioni di persone in condizioni di vita che, se non altro, esaltano le capacità di adattamento dell’essere umano.

Dunque, il nostro itinerario ha tra i suoi tanti fili conduttori la Grand Trunk Road. Un percorso che ci affascina e ci mette alla prova, che ci sta a cuore perché lo abbiamo percorso tante volte, in tutte le sue varianti, e che oggi vogliamo mostrare ai nostri compagni di viaggio nella forma che secondo noi offre il meglio di questo storico tragitto. Abbiamo scelto destinazioni poco conosciute e fuori dai normali circuiti turistici, luoghi in cui ci siamo imbattuti per caso o nei quali siamo giunti seguendo le tracce di una storia letta in un libro oppure ascoltata per strada; e abbiamo scelto anche destinazioni più popolari, ma di grande fascino, che cercheremo di farvi vivere nel modo meno banale possibile, osservandole da posizioni nuove e con occhi diversi, facendoci aiutare dall’esperienza dei nostri viaggi e dei nostri studi.

L’itinerario che proponiamo verrà leggermente modificato di volta in volta per includere destinazioni diverse, che non possiamo visitare nel corso di un solo viaggio, e per permettervi di  partecipare ad alcuni dei più spettacolari festival dell’India del Nord, la maggior parte dei quali, appunto, si svolgono in città poste lungo la Grand Trunk Road o nelle sue vicinanze, e che selezioneremo accuratamente per fare in modo che siano i più intensi e significativi di ogni stagione; festival enormi ed estremamente popolari, come la Kumbh Mela e Holi, e altri più intimi e di nicchia, come le fiere dei musicisti itineranti nei villaggi a nord di Calcutta o il festival degli incantatori di serpenti a Varanasi.

In futuro, a partire dal prossimo anno, verranno proposti itinerari che seguono un percorso diverso. Per itinerari personalizzati, invece, visitate la sezione apposita .

Scopri alcune delle città incluse nel nostro itinerario:


CALCUTTA


VARANASI


DELHI


ALLAHABAD


MATHURA e VRINDAVAN


AJMER e PUSHKAR

Informazioni pratiche sull’itinerario:

  • I nostri viaggi durano mediamente 15 giorni
  • Generalmente i viaggi partiranno da Calcutta, dove trascorreremo i primi quattro giorni, poi seguiranno tre giorni a Varanasi, due giorni a Mathura e Vrindavan, tre giorni a Pushkar e Ajmer, e infine gli ultimi tre giorni a Delhi. Ad ogni modo, l’itinerario dei nostri viaggi non è fisso, ma cambia ogni volta in base ai festival e alle stagioni, e per alcuni tour sarà prevista anche una visita al Taj Mahal.
  • Tutti gli spostamenti tra città avverranno con treni notturni, mentre all’interno delle città ci sposteremo con mezzi locali, quali rickshaw, autobus, metropolitana, battelli, etc.
  • All’arrivo in India è previsto il pick-up in aeroporto.